Calisti: “Grande dispiacere, ma siamo pronti a ripartire”

Domenica scorsa per l’Atletico Gualdo Fossato è arrivata la retrocessione, al termine del playout pareggiato 0-0 contro il Resina. 

Nonostante questo risultato sportivo negativo, la società guarda già al futuro. Ne abbiamo parlato in esclusiva con il presidente Carlo Calisti.

Presidente, purtroppo dopo una lunga rincorsa nel girone di ritorno si è materializzata la retrocessione..
Purtroppo sì, ma siamo persone di sport ed accettiamo il verdetto del campo. Dispiace tantissimo, anche perchè noi ce l’abbiamo messa tutta, e da questo punto di vista siamo sereni perchè consapevoli di aver fatto tutto il possibile per tentare di salvarci“.

Cosa è andato storto in questa annata?
Ad inizio anno eravamo convinti di avere una rosa competitiva, e sono sicuro che singolarmente abbiamo dei buoni giocatori per la categoria. Purtroppo è stata una di quelle annate dove ti gira tutto male. Gli infortuni ci hanno martoriato, alcuni giocatori hanno dovuto smettere per problemi personali. Posso dire che è stata la stagione più dispendiosa dal punto di vista di risorse, di tempo e di energie mentali, ma alla fine non è bastato“.

Come si riparte dopo una retrocessione?
Ripartiamo con serenità. Siamo consapevoli di avere prima di tutto una società sana dal punto di vista economico, senza un euro di debiti. Ripartiremo dalla Seconda Categoria e, anche se ci fosse la possibilità di un ripescaggio, non lo chiederemo: il campo ha dato il suo verdetto e lo rispettiamo. I primi passi che muoveremo saranno all’interno della società, che verrà puntellata. Di sicuro ripartiremo io e Paolo Ragugini, ma ci tengo a sottolineare che la società è aperta a tutti coloro che ne vorranno far parte.

E’ ancora presto per parlare di allenatore e giocatori?
Sì, ancora nomi non ne faccio. Posso dire, comunque, che il primo tassello sarà quello dell’allenatore. I profili sono due: o un allenatore esperto o un giovane che abbia voglia di emergere. Una volta definito il mister cominceremo a pensare alla squadra. L’obiettivo è quello di costruire una rosa competitiva che possa stare tra le prime cinque, ed inoltre mi piacerebbe confrontarmi con il Girone B, quello dell’area folignate.

Ci sono dei ringraziamenti da fare?
Assolutamente. Ci tengo a ringraziare tutti gli sponsor che c’hanno dato una mano, tutti i collaboratori e i dirigenti che hanno speso il loro tempo per la causa dell’Atletico Gualdo Fossato. Inoltre, volevo fare i complimenti al Gualdo Casacastalda per l’ottima stagione disputata e al Sigillo per aver conquistato la promozione in Prima Categoria“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *