Eurogol di Mancini, ma il Gualdo Casacastalda va ko

Sconfitta immeritata per il Gualdo Casacastalda, che gioca bene ma non finalizza ed il Castel del Piano vince per 2-1 mantenendo l’imbattibilità casalinga. 
Tanti assenti da una parte e dall’altra. Nei perugini mancano il portiere Marianeschi, il difensore Tempesta ed il bomber Sacco, mentre tra i gualdesi out Matarazzi, Gaggioli e Moriconi. Vicarelli, quindi, disegna un 4-4-2 con Stoppini in mezzo al campo, Chiocci terzino con Silvestri spostato più avanti e Ridolfi sulla fascia opposta.
Il primo tempo è denso di emozioni. Al 3′ un tiro dal limite di Procacci sfiora l’incrocio dei pali, mentre al 7′ un rasoterra di Karakaci colpisce l’esterno della rete. I padroni di casa, però, al 9′ passano in vantaggio con il primo tiro in porta: cross dalla trequarti di Merkous e girata aerea di Rombini, che manda il pallone nell’angolino e fa 1-0. Al 16′, poi, sugli sviluppi di un cross dalla destra Ferranti e Sisani entrano in contatto in area di rigore: per l’arbitro Dini di Città di Castello ci sono gli estremi per il penalty che lo stesso numero 10 perugino realizza per il 2-0. Nonostante il fulmineo doppio svantaggio, il Gualdo Casacastalda continua a giocare e a costruire palle gol. Al 19′ punizione di Karakaci che colpisce la traversa, mentre al 20′ Silvestri, grazie ad una delle sue solite galoppate sulla fascia, entra in area e lascia partire un gran diagonale mancino che esce di millimetri. Il gol arriva al 38′, ed è una prodezza di Mancini: Silvestri dalla corsia sinistra sventaglia un grandissimo pallone in profondità per il puntero che, al volo, si coordina alla perfezione e trova un gol stupendo, di sicuro uno dei più belli dell’intero campionato: 2-1 e partita riaperta, anche se al 45′ Federici scheggia il palo deviando un cross di Francesco Marri dalla sinistra.
Nella ripresa, il ritmo della partita cala e le occasioni sono veramente poche. Da segnalare, l’arrivo in tribuna di Walter Alfredo Novellino, che va a sistemarsi in mezzo ai sostenitori gualdesi. Al 15′ attimi di paura per Stoppini, che rimane a terra dolorante dopo un contrasto con Scappini. Le urla di dolore del centrocampista gualdese fanno temere il peggio, Vicarelli lo cambia con Dragoni, anche se alla fine Stoppini riesce ad uscire sulle proprie gambe. I gualdesi reclamano un paio di rigori: il primo per un presunto contatto in area tra Procacci ed un difensore locale, il secondo per un presunto fallo di mani di Marri su una girata di Karakaci. Al 30′, poi, il Gualdo Casacastalda rimane in dieci per l’espulsione di Chiocci che, già ammonito, dice forse qualche parola di troppo al direttore di gara, che gli mostra il secondo giallo.
Nel finale al 38′ ha una buona occasione Mancini, che controlla un pallone in area e prova la girata, ma il pallone si spegne sul fondo. Dall’altra parte, in contropiede, Santini ipnotizza Federici che si mangia il 3-1 a tempo scaduto.
Finisce quindi 2-1 per il Castel del Piano, ma possiamo dire senza ombra di dubbio che i 14 punti di differenza in classifica oggi non si sono visti. A sette turni dalla fine, la zona salvezza è ora a -3, e domenica al Luzi arriva il Petrignano.

Di più da Redazione Gualdo Sport
Appuntamenti del weekend (3-5 dicembre)
CALCIO: Gualdo Casacastalda – Sansepolcro, domenica ore 14.30 allo stadio Carlo Angelo...
Leggi di più
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *